Sanità: Psicologi, gruppo minoranza eletto in Enpap chiede chiarezza

Roma, 1 feb. (Adnkronos Salute) – Tensioni e preoccupazione nella categoria degli psicologi dopo la notizia dell’acquisto dell’immobile di via della Stamperia a Roma da parte dell’Enpap, l’Ente nazionale di previdenza e assistenza degli psicologi, dal senatore Pdl Riccardo Conti, in un’operazione notevolmente svantaggiosa. A chiedere chiarezza il gruppo di minoranza di Cultura e Professione, eletto nell’Enpap, che in una nota, intende sottolineare “fin da ora che la gestione della trattativa per l’acquisto dell’immobile non ha coinvolto in nessun modo i suoi rappresentanti”.

Il gruppo fa sapere che “chiese, prima della stipula del contratto, tutte le garanzie necessarie come la verifica della provenienza dell’immobile, la congruità del prezzo richiesto e la ristrutturazione a carico del venditore. Fu chiesta, inoltre, l’assistenza di un avvocato qualificato e di fiducia per tutte le fasi della stipula del contratto. Mai, infine, la minoranza all’Enpap di Cultura e Professione è stata messa a conoscenza del doppio passaggio di proprietà avvenuto in tempi ravvicinati”.

Ora, i rappresentanti del gruppo di minoranza chiedono al presidente dell’Ente un incontro, “per sapere con la massima urgenza e con chiarezza:
a) con chi era stata svolta la trattativa per l’acquisto, se con il Fondo Omega, gestito dalla Fimit di Massimo Caputi per conto di Intesa San Paolo o con la Srl Estate 2 di cui è amministratore unico Riccardo Conti;
b) se si era a conoscenza della differenza di prezzo tra la prima e la seconda vendita, anche se la seconda doveva comprendere l’integrale ristrutturazione dello stabile;
c) quali azioni si intendano intraprendere a tutela e per il buon nome dell’Ente. Cultura e Professione si riserva di assumere tutte le iniziative possibili in ordine a quanto accaduto nel momento in cui tali chiarimenti verranno forniti.

(Red-Ram/Adnkronos Salute)
01-FEB-12 18:49